Biografia

For English click here…

Für Deutsch hier klicken…

Martina Barlotta, chitarrista toscana, classe 1996, “Mostra una grande esperienza e una presenza coinvolgente sul palco” (Uppsala International Gitarrfest – 2016); “Al di là della tecnica, si fa apprezzare per la sua espressività e per una presenza scenica insospettabile in un’artista di soli 19 anni ” (M. Francesco Biraghi – La stampa di Novara 2015); […] “eccelse qualità musicali” […] “sensibilità musicale e virtuosismo sono le qualità che la rendono unica” […], (Torino – Premio Internazionale Arca D’Oro Italia Giovani Talenti 2015); “E la strada si apre a un radioso futuro di successo artistico che ti spingerà molto lontano nel mondo che attende!” M. Oscar Ghiglia.

Inizia lo studio della chitarra nel 2002, all’età di sei anni, con il M. Mirko Pieri. Nel 2007, alla scuola media ad indirizzo musicale, conosce il M. Fabio Montomoli, proseguendo lo studio presso l’Istituto Musicale Comunale “P.Giannetti” di Grosseto. Nel 2010 viene ammessa, prima in graduatoria, al Conservatorio Santa Cecilia di Roma dove studia sotto la guida del M. Arturo Tallini.

Nel 2015, a 19 anni, si diploma in Chitarra Classica al Conservatorio Santa Cecilia, con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore.

Dal luglio 2012 al luglio 2015 studia altresì alla prestigiosa “Accademia Musicale Chigiana” di Siena, dove segue i corsi di perfezionamento sotto la guida del M. Oscar Ghiglia, ottenendo ogni anno il diploma di merito e partecipando ai Concerti finali.

A giugno 2015 viene ammessa, prima in graduatoria di merito, al Master in Konzertfach strumentale di chitarra presso “Universität Mozarteum” a Salisburgo, dove nell’ottobre 2018 sotto la guida del M. Marco Tamayo consegue la Laurea Master con il massimo dei voti. Al Mozarteum studia musica contemporanea con M. Simone Fontanelli, musica da camera con M. Isabel Siewers e M. Laura Young, musica antica con M. Marco Testori. Nel 07/2019 ottiene il Post-Graduate presso Universität Mozarteum.

Attualmente si sta perfezionando con il M. Carlo Marchione.

Dal 10/2015 al 06/2017 altresì ha seguito il Master biennale presso la “Segovia Guitar Academy” di Pordenone con il M. Adriano Del Sal e il M. Paolo Pegoraro.

Vincitrice di Borse di studio al “Campus delle Arti” 2013 e 2014, con concerti premio, premio del pubblico, registrazione ed editing presso la nota casa discografica Musikstrasse a Roma.

Nel maggio 2015 vince una delle quattro borse di studio messe in premio dal Ministero dell’Istruzione, Università e della Ricerca per il “Premio Claudio Abbado”, nato per valorizzare le eccellenze dell’Alta formazione artistica.

Nel giugno 2015 le viene conferita la menzione d’onore per l’esecuzione della “Sequenza XI per chitarra” di Luciano Berio al 36° Concorso Internazionale di Interpretazione della musica contemporanea Valentino Bucchi a Roma, Parco della Musica.

A ottobre 2015 l’Associazione “La Nuova Arca” le assegna con una cerimonia-concerto nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Torino, il Premio Internazionale Arca D’Oro Italia Giovani Talenti, riconoscimento consegnatole dal grande violista da gamba e Maestro di musica antica Jordi Savall.

Nel 2016 e nel 2017 la “Segovia Guitar Academy” le riconosce una delle borse di studio concesse agli allievi che si sono distinti per impegno, talento e risultati ottenuti, relative all’anno di perfezionamento.

Nel Novembre 2016 esegue, in qualità di vincitrice del Concorso Chitarristico Internazionale Città di Sanremo “Premio Casinò di Sanremo” 2015, il Concerto in La Maggiore di Mauro Giuliani per chitarra e orchestra d’archi, accompagnata dall’Orchestra Sinfonica Città di Sanremo, diretta dal M. Michele Spotti.

Nello stesso mese tiene un concerto a Nuoro, per la seconda volta dopo una selezione tra più di 50 chitarristi.

Nel dicembre 2016 suona la “Sequenza XI per chitarra” di Luciano Berio presso “Universität Mozarteum” a Salisburgo in un concerto organizzato dal M. Simone Fontanelli. Dopo M. Marco Tamayo, che suonò per la prima volta nella storia di “Universität Mozarteum” la Sequenza – allora alla presenza di Luciano Berio -, quella di Martina è stata la seconda esecuzione.

Prima chitarrista italiana ad essere invitata nell’isola greca di Santorini a tenere un concerto in duo e da solista nel marzo 2017.

Martina esegue la premiere di “Algo, due pezzi per chitarra” di Franco Donatoni presso “Universität Mozarteum” nel maggio 2017.

Nel marzo 2018 a Salisburgo, “Universität Mozarteum”, suona come solista il Concierto de Aranjuez di Joaquin Rodrigo, accompagnata dall’Orchestra degli Studenti di Universität Mozarteum, diretta da Kristina Pernat.

Nello stesso mese effettua un tour in Polonia, tenendo due concerti in duo a Stettino e Danzica, insieme al chitarrista Daniel Egielman.

Nel maggio 2018 “Corde di Salisburgo” a Grosseto, Chiesa della Misericordia, Martina suona come solista accompagnata dal Quartetto d’Archi Ensemble Semble di Salisburgo, musiche di Giuliani e Boccherini, per il 5° Festival Musicale Internazionale Recondite Armonie.

Pubblica il suo primo album nel luglio 2018 con il titolo “Mirrors”. Il CD include un pezzo scritto per lei dal M. Simone Fontanelli.

Nell’ottobre 2018 a Salisburgo, Solitär in Universität Mozarteum, tiene il concerto di Laurea Master con programma che ha visto in successione l’esecuzione di J.S. Bach Partita n.2 BWV 1004 per violino su trascrizione di Martina Barlotta, L. Brouwer Sonata n.1, J. Rofrigo Concierto de Aranjuez accompagnata dal quartetto d’archi Ensemble Semble.

 

Primo concerto da solista tenuto prima di aver compiuto i 14 anni. Da allora ha suonato da solista oltre 40 concerti in Italia, Portogallo, Francia, Austria, Germania, Grecia, Polonia, Spagna.

Esperienza effettiva in musica per orchestra, con diversi concerti accompagnata da orchestra a Roma, Firenze, Sanremo, Salisburgo.

Si esibisce regolarmente in formazioni di musica da camera, con chitarra, flauto, violino, violoncello, pianoforte, fisarmonica, quartetto d’archi, in virtù di studi condotti con M. Isabel Siewers, M. Laura Young e M. Marco Testori.

Matura inoltre un’ampia esperienza nel campo della musica contemporanea con M. Arturo Tallini e con M. Simone Fontanelli, sia come solista, che in formazioni.

Numerosi i premi ottenuti in concorsi nazionali e internazionali, tra cui in particolare: Concorso Nazionale Riviera Etrusca (Primo assoluto), Concorso Nazionale di Esecuzione Musicale “Giulio Rospigliosi” (Primo Assoluto), Concorso Internazionale di Chitarra Città di Fiuggi (Primo Premio), Concorso Internazionale “Accademia Musicale Romana” (Primo Assoluto), Concorso Internazionale “Alirio Diaz” Giovani Chitarristi Roma (Primo Assoluto), Concorso Chitarristico Internazionale Città di Sanremo “Premio Casinò di Sanremo” (Primo Premio), Concorso di Esecuzione Claxica 2016 (Secondo Premio), “Borguitar Festival” (Terzo premio), Alessandria “49° Concorso Internazionale di Chitarra Classica Michele Pittaluga”, premio assegnato da Inner Wheel, organizzazione femminile internazionale di grandi tradizioni, come migliore chitarrista donna classificatasi al concorso, “Uppsala International Gitarrfest“ (Terzo premio).

Tra i concerti e le perfomance in manifestazioni ricordiamo: Basilica Santa Maria in Aracoeli in Campidoglio (Roma), Conservatorio Santa Cecilia (Roma) accompagnata dall’orchestra del Conservatorio Santa Cecilia sotto la direzione del M° Giuseppe Lanzetta, Bracciano, Circolo di Montecitorio (Roma), El Barraco – Avila (Spain), Formello, Galleria Parmeggiani di Reggio Emilia, Lago D’Orta (Pettenasco), Museo Orsanmichele (Firenze) accompagnata da Orchestra Toscana Classica, Nuoro, Piazzola sul Brenta, Porto e Braga (Portogallo), Parigi (Francia), Sassari, Sanremo “Casinò di Sanremo” accompagnata dalla Sinfonica di Sanremo diretta dal M° Michele Spotti, Salisburgo (Solitär e Wiener Saal), Santorini (Grecia), Stettino e Danzica (Polonia), Taranto, Tortona, Venezia (Palazzo Cavagnis).

Attualmente frequenta il Bachelor in Linguistica Clinica alla Paris Lodron Universität Salzburg.

Martina suona una chitarra del M. Liutaio Simon Marty di Woodburn (New South Wales – Australia) e una chitarra del M. Liutaio Alessandro Marseglia di Pozzuoli (NA).